Da studente di Ecommerce Master a Business Developer in Spagna

La storia di Giorgio Fidei, ex studente di Ecommerce Master oggi Business Developer di una startup a Barcellona

A

bbiamo intervistato Giorgio Fidei, ex studente di Ecommerce Master che oggi lavora come Business Developer per Workkola, startup spagnola con la mission di ridurre il gap tra domanda e offerta nell’incrocio tra mercato del lavoro e sistema educativo.

T: Sul tuo profilo LinkedIn si legge Business Developer @Workkola, Barcellona: come sei venuto a conoscenza di questa realtà?

G: Tutto nasce dalla passione e curiosità che mi spinsero un anno fa, dopo essermi laureato, ad avvicinarmi al mondo dell’innovazione, e delle startup in particolar modo. Dovendo cercare un lavoro, ho iniziato a informarmi, documentarmi sulle migliori startup a livello internazionale, per capacità innovativa e business model. Ho letto riviste e fatto ricerche online. Molto semplicemente, Workkola ricevette l’estate scorsa una menzione speciale da Startupitalia! come una delle startup più promettenti dell’ecosistema spagnolo. Ho allegato quell’articolo al mio profilo LinkedIn. Dategli una letta, tutto è iniziato da lì.

T: Che cos’è Workkola e soprattutto come funziona un collaborative marketplace?

G: Workkola è semplicemente ciò che mancava sino ad ora per permettere a studenti specializzandi in competenze digitali di abbinare all’apprendimento teorico una parallela esperienza pratica. Mi spiego meglio. In quanto “collaborative marketplace” studenti e startup si aiutano a vicenda collaborando su mini progetti online nell’ambito di growth hacking, digital marketing, business development, app development and design (UX/UI e graphic design), che vengono pubblicati sulla nostra piattaforma. Da un lato, lo studente acquista esperienza, sviluppa il proprio skill set, costruisce un portfolio e amplia il suo network professionale ancor prima di completare gli studi. Dall’altro, le startup possono fare affidamento su risorse giovani, appassionate e altamente motivate per alleggerire il proprio carico di lavoro giornaliero, che per una startup sappiamo tutti essere molto pesante. Win-win.

T: Come si svolge la giornata lavorativa di un Business Developer?

G: Diciamo che per team piccoli come il nostro, le etichette contano fino a un certo punto. Il Business Developer di Workkola è un ibrido tra il Business Developer tradizionale e il Growth Hacker. C’è quindi una parte improntata sulla vendita e sul contatto umano che mi porta a individuare e contattare clienti potenziali a cui presentare la nostra piattaforma. Ad esempio, per intenderci, qualora Talent Garden dovesse aprire un’altra scuola in Spagna, alzerei subito la cornetta e digiterei il numero di Alessandro Rimassa. A proposito, quando aprite? 

C’è poi un’altra parte, ben più avvincente, che richiede attività di growth hacking, come dicevo. Perciò, definire la strategia, programmare e sperimentare periodicamente nuovi canali di acquisizione e similmente nuove formule magiche per migliorare le fasi di retention e referral. Dopo che si è sperimentato, si deve misurare. Insomma, un po’ di tutto. Questo è in fondo il valore di lavorare per una startup. Lo consiglio a tutti gli studenti di TAG Innovation School.

Tags: Ecommerce ecommerce master

Pubblicato il: 14 Giugno 2017