Sei una geek? Ecco 5 motivi per cui dovresti imparare a programmare

di Carlotta Schezzini

I

n Italia le ragazze che si orientano verso un percorso di studi STEM (acronimo inglese per scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) sono ancora poche, ma la crescita è netta anno dopo anno.

Moltissime iniziative puntano a incentivare l’adesione a programmi di studio o percorsi formativi nell’ambito del coding, creando una sorta di network femminile all’interno di questo contesto: lo dimostrano programmi come NuvolaRosa (evento Microsoft ndt) o gli International Girls in ICT Dayorganizzati da Cisco Italia e anche la presenza, in continua crescita, di corsi di formazione innovativi in questo settore (siamo giunti alla 4° edizione di CodeMaster e le quote rosa non mancano!).

Se sei una geek in erba e la tecnologia ti appassiona (e stai pensando al tuo futuro), il coding potrebbe essere la strada che fa per te.
Ecco cinque buoni motivi per cui dovresti imparare a programmare. 

1) Tutto è digitale

Sia per studio che per lavoro, per interesse personale o pubblico, la capacità di saper cercare informazioni e creare contenuti online è al giorno d’oggi parte integrante della nostra vita ed è sempre più indispensabile. Dal geek che acquista la spesa online, alla casalinga che cerca buoni spesa, il salto è breve: tutte le informazioni sono però scritte in codice, con vari linguaggi, ognuno adatto a ogni esigenza. Il bello di saper programmare è proprio questo: rendere disponibili informazioni conferendo visibilità al proprio brand e facilitare la ricerca di dati dove serve. Imparare a programmare, oggi, è equivalente al saper scrivere un business plan e a fare un benchmark, e fa parte delle qualità trasversali sempre più necessarie per accedere a qualsiasi tipo di lavoro.

2) Saper programmare è una skill utile per qualsiasi lavoro

Il coding sta entrando nella nostra quotidianità: gli incentivi delle aziende a corsi di formazione, le stesse scuole e università che stanno attivando programmi di coding per bambini e per quote rosa, è un chiaro segnale di ciò che il mercato del lavoro richiede. Secondo le stime più recenti nei prossimi 10 anni ci saranno circa un milione e mezzo di posti di lavoro nel settore informatico e appena 400mila persone qualificate. Saper programmare ti dà più chance per il futuro.
Leggi anche: 6 motivi per cui non dovresti imparare a programmare da solo

3) Programmare per realizzare le proprie idee in modo smart

Imparare anche solo le basi della programmazione, magari scegliendo solo i linguaggi più ideali alle proprie esigenze, può essere un ottimo punto di partenza per rendere reali i tuoi progetti: progettare per esempio una app, trasformare il codice in quello che vogliamo equivale a realizzare un’idea. Sia che si tratti di un piccolo sito vetrina, un portfolio o un e-commerce fino ad arrivare a sistemi complessi e app multi funzione, il codice resta sempre alla base di tutto, é quindi indispensabile conoscere gli strumenti necessari per realizzare un’idea prima di poterla rendere fattibile.

4) Programmare è la lingua del futuro

Imparare a programmare equivale ad apprendere una lingua straniera: devi imparare il significato di alcune parole, posizionarle in maniera logica e farle interagire fra loro. Ed esistono tantissimi linguaggi di programmazione diversi. Ad esempio Javascript, che ti permette di creare contenuti web, come i template dei siti, oppure Perl che è un linguaggio molto versatile amato dai cultori della materia.

5) Programmare è divertente

Il lato funzionale e didattico non é però l’unico punto positivo. Nella pratica programmare é davvero divertente! Del resto poter immaginare qualcosa e testarne con mano la realizzazione dà soddisfazioni.

Pubblicato il: 9 Marzo 2017